Beh, il tuo ottimismo mi rincuora, davvero. Però non sono del tutto d’accordo: il mio riferimento alle “ore intere di nulla” è anche personale. Da ragazzino passavo ore e ore tutti i giorni davanti ai videogames (ora il mondo dei videogiochi, tra l’altro, è molto cambiato, ma io faccio riferimento alla mia esperienza di metà anni ‘90). Spesso, conclusa la lunga sessione, avvertivo una sensazione molto spiacevole, che non mi lasciava per parecchio tempo. Dopo un bel po’, ho capito che quella sensazione era causata dall’aver passato troppo tempo davanti a giochi che, al di là della soddisfazione immediata, non mi lasciavano nulla . Non mi arricchivano in alcun modo. Mi lasciavano solo, appunto, questa sensazione di vuoto. Parlando con alcuni ragazzini ho scoperto che dopo ore passate a compulsare Facebook e Instagram, solo perché è la cosa più facile che si possa fare, anche loro avvertono lo stesso vuoto. Mi piacerebbe soltanto poter trasmettere la consapevolezza che, da tech-entusiasta quale sono, l’esperienza mi ha fatto maturare. Essere apocalittici, in questi temi, non va mai bene. Ma un sano spirito critico ci vuole sempre.

Volevo solo fare il giornalista (La Stampa / Wired / Il Tascabile / Esquire Italia/ varie ed eventuali)

Get the Medium app

A button that says 'Download on the App Store', and if clicked it will lead you to the iOS App store
A button that says 'Get it on, Google Play', and if clicked it will lead you to the Google Play store